#AteoPerché: un coming out contro la discriminazione degli atei nel mondo

Pochi lo sanno e nessuno lo dice: gli atei nel mondo sono perseguitati e discriminati da gruppi religiosi di ogni tipo. In occasione dell’Atheist Day puntiamo i riflettori su questo dato, rivendicando per tutti la libertà di pensiero e di espressione. Anche per chi non può farlo.


Perché il 23 marzo?

Il 23 marzo 2019 si celebrerà per la prima volta l’Atheist Day, la Giornata mondiale dell’ateismo – se non sai cos’è dai un’occhiata all’articolo dedicato.

L’Atheist Day è un’occasione per ricordare a amici, parenti e conoscenti che, in quanto atei, facciamo parte di una delle minoranze più discriminate al mondo, come evidenziato dalle infografiche qui sotto, estratte dal Freedom of Thought Report 2018.

La campagna #AteoPerché

Proprio per puntare i riflettori su queste discriminazioni è nata la campagna #AteoPerché.

L’idea è semplice: basta condividere su Facebook, Twitter e Instagram il proprio coming out, elencando brevemente i motivi del proprio ateismo con due hashtag: #AtheistDay #AteoPerché

Se volete potete scaricare l’immagine di copertina dell’articolo in alta risoluzione, pronta per la stampa nel caso vogliate scattarvi un selfie con essa.

L’evento Facebook

Lo stesso giorno alle 12.00 condurrò una diretta Facebook per discutere assieme cosa significhi essere ateo oggi in Italia e nel mondo.

Ecco alcuni dei temi in scaletta:

  • Apostasia: reato e peccato ancora oggi nel mondo
  • Leggi sulla blasfemia: cosa sono e perché abolirle
  • Diritti umani: libertà di e dalla religione
  • Filosofia: due parole su ateismo, agnosticismo e umanismo
  • Sbattezzo: cinque motivi per farlo e tre per non farlo

Chiunque – ateo o credente – è invitato a prendere parte alla discussione. Potete inviare le vostre domande e contributi sin da adesso, via email (info@adaltezzaduomo.com) o commentando l’articolo qui sotto.

Ci vediamo dunque il 23 marzo sulla pagina Facebook di Ad altezza d’uomo. Nel frattempo: buon Atheist Day a tutti!

Per sapere di più sull’Atheist Day leggi “Il 23 marzo è la Giornata dell’ateismo: 6 motivi per celebrarla (e 2 per non farlo)

Licenza Creative Commons

Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale

5 commenti

  1. Non sono io che sono ateo, io sono uno normale, siete voi che siete teisti. Non è che io sono astemio, siete voi che bevete. 😁😇

    Mi piace

  2. Vero quello che dice Federico
    Non sono io che devo spiegare perché non credo, siete voi che dovete spiegare perché credete
    Dobbiamo avere la forza di capovolgere la domanda e pretendere che rispondano se ci riescono

    Mi piace

  3. I VALORI ETICI
    sono il potere del denaro. I “valori etici” vengono decisi e dispensati dai grossisti del denaro e cioè dagli Stati come il Vaticano, e, successivamente, tutti quelli in ordine decrescente. Le “linee politiche” ITALIANE sono la conseguenza del pensare degli individui (manipolati sin dalla nascita) i quali diventano parlamentari per modificare le leggi ovvero le “linee politiche” stesse stabilite SOLO dai “valori etici”. I parlamentari attendono nella sala d’ aspetto come dei pazienti bisognosi del neurologo. Attendono, soprattutto, i “discorsi curativi” dei teocrati. La teocrazia vige per ricchezza in oro e non è placebo. Essa ha sempre il privilegio prevaricante e distorto su tutto ciò che coinvolge le dinamiche sociali, palpeggia le minime e le massime variabili di espressioni del pensiero degli individui impegnati in politica). I parlamentari si affannano in “ideologie riflesse” per assecondare i privilegi penetranti teocratici ossia i “valori etici”: sopravvivenza costituzionale virtuale. L ‘aspersorio magico, invece, è reale. In conclusione, l’umanità NoN progredisce. Assisteremo, in Italia ad un sincretismo politico/religioso ( quindi poco laico) inevitabile distopico-utopico: una Sinistra VeganMusulCristiana e una Destra EcoLegaGretaCattolica. Il CentroSemilaico sarà un logospot funzionale di circostanza, il “compromesso-dinamico” del Sì per il No e il No per il Sì. Gli accordi EuropaAmericaCina e altri paesi partecipanti saranno scambio di avanzi tecnologici venduti a caro prezzo dai demo-consumatori. Amare per amore sarà complicatissimo.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.