Perché Dio non morirà mai

“Il fatto che tutto su questa terra confuti l’esistenza di Dio non ne conferma l’inesistenza. Sarebbe bello fosse così, perché almeno avremmo un punto fermo da cui partire. Purtroppo non è così: nonostante tutto, Dio resta una possibilità del pensiero, per quanto estremamente assurda e bizzarra. E lo resta a causa dei limiti intrinseci della ragione umana, che essendo finita e limitata lascerà sempre spazio alla possibilità di Dio, almeno a essa.

Per dirlo con un’immagine: abbiamo scoperto il sipario dietro il quale andava in scena la recita divina, ma Dio potrebbe essersi nascosto dietro la scenografia, o dietro le quinte, o dietro le quinte delle quinte, e così via. Da un punto di vista meramente logico, Dio potrà sempre nascondersi dietro ogni conquista del sapere scientifico e dietro ogni confutazione della ragione.

Pensato nel più formale dei modi, Dio è quell’ente che potrebbe aver creato questo mondo assurdo soltanto per vedere chi avrebbe creduto in lui nonostante questa palese assurdità. Per questo è inconfutabile: perché anche quello che lo uccide lo fortifica. E per questo il valore della fede cresce di pari passo con la sua assurdità: più è assurdo e controfattuale ciò in cui credo, più sono virtuoso agli occhi invisibili del mio Deus absconditus.

Alcuni creazionisti, ad esempio, sostengono ancora la strampalata teoria del “procronismo” di Gosse, zoologo britannico secondo il quale i fossili di dinosauri sarebbero esche messe sotto terra da Dio per testare la fede dei paleontologi e vedere quanti di loro avrebbe creduto nella creazione divina nonostante quei fossili comprovassero l’evoluzionismo darwiniano.

Al fondo di ogni religione c’è sempre una teoria della cospirazione, più o meno crassa o sofisticata. I credenti sono dei complottisti ante-litteram. Dio è il più duraturo complotto nella storia dell’umanità.”


Frammento tratto da “Contro il nichilismo. La scommessa atea e umanista di Sisifo” (Diogene Multimedia, 2020)

Licenza Creative Commons

Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale

3 commenti

  1. Concordo per il 90% dell’articolo. Sulla teoria Evoluzionista sono più pro Chomsky 🙂

    1. >>>> Chomsky … un altro incastro marxista partorito dall’anima giudaica così profikua nell’inventare teorie e regìmi assolutisti mortali (kristianesimo, nazismo e marxismo…etc. ) e creare fanatismi estremi… ma a regalarci anke sprazzi di aperanza, evoluzionismo positivista e libertà …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.